Borderline.

Sono quasi addormentato su questo letto di ricordi. Avvolto nelle coperte di ciò che è stato e che vorrei non mi lasciasse mai. Ma dimenticare è il sogno più dolce. Annegare nell’oblio tutto ciò che non va portato avanti in ciò che sarà, ma lasciare trapelare tutto il bene, tutta l’energia che la memoria riesce a trasportare e che sinergicamente trasforma in futuro.

Pale Eoliche

Annunci

Ricominciare.

Ricominciare a scrivere. Lo dico da tanto, da troppo tempo. E’ come se non riuscissi più a trovare quella giusta concentrazione per mettere due parole di fila e fare un post che abbia più o meno un significato. Sinceramente ho smesso di piangermi addosso come facevo tempo addietro. Forse sono maturato, forse comincio a vedere le cose da una prospettiva differente. Sono distaccato dall’empatia verso gli altri. Preferisco una genuina simpatia. Qualcosa di reciproco e non una ricerca finalizzata a cercare l’altro. Sono sufficientemente interessante per meritarmi qualche amico senza ch’io preghi qualche bizzarra divinità (seppure esiste).
Da dove ricominciare? Beh oggi non c’è dubbio che salvo decidere di partire e andare via da questo Paese (cosa che ancora posso mettere in conto), non si può non ricominciare proprio dall’Italia. Sì questa nazione che detiene il record di sopportazione, tollerante fino a fare schifo, praticamente l’immagine fisica dell’individualismo più sfrenato in cui le parole comunità, bene comune, democrazia, servizio pubblico, rispetto e dignità sono talmente obsolete che stanno sparendo dalla testa di chi vi abita. Tra un po’ si dissolveranno perfino dai dizionari, come le immagini nelle foto di Ritorno al Futuro…